Ordinanza numero 3

Asse ferroviario Napoli-Bari "Nodo di Bari -Bari Sud (variante tratta Bari C.le - Bari Torre a Mare)"

(art. 1 DL n. 133/2014 convertito in Legge n. 164/2014)

  • Visto l'art. 1, comma 1, del D.L. n. 133 del 12.09.2004 convertito in Legge n. 164 dell'11.11.2014, con il quale l'AD di Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A. è stato nominato Commissario per la realizzazione delle opere relative alla tratta ferroviaria Napoli - Bari, di cui il "Nodo di Bari - Bari Sud (variante tratta Bari C.le - Bari Torre a Mare)" fa parte;

  • visto l'art. 1, comma 2, del D.L. n. 133 del 12.09.2004 convertito in Legge n. 164 dell'11.11.2014, con il quale, tra l'altro, è stato fissato - con la finalità di sbloccare gli interventi sull'asse ferroviario Napoli - Bari - al 31.10.2015 il termine entro il quale avviare i lavori di parte dell'intero tracciato della tratta sopra citata;

  • viste le proprie Ordinanze n. 1 e 2 del 12.12.2014;

  • vista la Delibera CIPE n. 104/2012 del 26.10.2012, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 39 del 15.02.2013, con la quale è stato approvato, ai sensi e per gli effetti dell'art. 165 del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. e dell'art. 10 del decreto del DPR 8 giugno 2001, n. 327 e  s.m.i., con prescrizioni e raccomandazioni, il progetto preliminare del "Nodo di Bari -Bari Sud (variante tratta Bari C.le - Bari Torre a Mare)";

  • considerato che la programmazione delle attività dell'intervento in oggetto, al fine di raggiungere gli obiettivi imposti dal D.L. n. 133/2014 convertito in Legge n. 164/2014, prevedeva la pubblicazione del bando di gara per appalto integrato sul progetto definitivo dell'intervento relativo al "Nodo di Bari - Bari Sud (variante tratta Bari C.le -Bari Torre a Mare)" nel mese di dicembre 2014;

  • vista la nota del 17.12.2014, Prot. RFI-AD\A0011\P\2014\0001998, con la quale l'AD di RFI S.p.A. nelle more dell'approvazione da parte del Cipe del progetto definitivo del "Nodo di Bari - Bari Sud (variante tratta Bari C.le - Bari Torre a Mare)", ha autorizzato Italferr S.p.A. alla pubblicazione dell'avviso di pre-informazione per l'appalto multidisciplinare relativo al progetto medesimo;

  • vista la pubblicazione del citato avviso effettuata il 30.12.2014 nella Gazzetta Ufficiale n. S250 numero documento 445438-2014;

  • visto il sito istituzionale del Cipe nel quale è riportato che nella seduta del 28.01.2015 lo stesso ha approvato il progetto definitivo dell'intervento relativo al "Nodo di Bari - Bari Sud (variante tratta Bari C.le - Bari Torre a Mare)" con un limite di spesa di 391 milioni di Euro, integralmente finanziato nell'ambito del Contratto di Programma RFI, e che sono in corso le formalità per la successiva registrazione da parte della Corte dei Conti;

  • vista la nota del 10.02.2015, Prot. RFI-AD\A011\P\2015\000454, con la quale l'AD di RFI, sulla scorta dell'istruttoria condotta dal Soggetto Tecnico di cui alla nota AD.0008735.15.U del 30 gennaio 2015, ha chiesto al Commissario di autorizzare la pubblicazione del bando di gara relativo all'intervento sopra citato al fine di garantire le condizioni per l'effettivo avvio dei lavori entro lo stringente termine temporale del 31.10.2015, fissato dalla normativa;

  • considerato che nel bando di gara verrà precisato, come indicato nella nota Italferr del 30.01.2015, che non si darà corso all'apertura delle buste dei concorrenti se non successivamente alla definitiva conclusione positiva dell'iter approvativo a seguito della registrazione della delibera Cipe da parte della Corte dei Conti;

  • ravvisata l'esigenza di rendere compatibili i tempi occorrenti per il conseguimento dell'efficacia della delibera Cipe di approvazione del progetto definitivo dell'intervento in questione con l'obiettivo imposto dalla normativa di cui al D.L. n. 133/2014 convertito in Legge n. 164/2014, di avviare i lavori della tratta ferroviaria Napoli-Bari, di cui il "Nodo di Bari - Bari Sud (variante tratta Bari C.le -Bari Torre a Mare)" fa parte, entro e non oltre il 30.10.2015;

  • considerato che il Commissario deve garantire il rispetto del suddetto termine fissato per l'avvio dei lavori e che in virtù dell'art. 10 dell'Ordinanza n. 1/2014 adotta ogni atto occorrente, tra gli altri, all'urgente espletamento delle procedure di affidamento delle opere.

DISPONE

 

è autorizzata, nelle more del perfezionamento dell'iter volto alla registrazione da parte della Corte dei Conti della delibera Cipe del 28.01.2015 di approvazione del progetto definitivo dell'intervento relativo al "Nodo di Bari - Bari Sud (variante tratta Bari C.le - Bari Torre a Mare)" con il limite di spesa di 391 milioni di Euro integralmente finanziato nell'ambito del Contratto di Programma RFI, la pubblicazione, secondo la normativa vigente, del bando di gara per appalto integrato con criterio di aggiudicazione al prezzo più basso.
 

In conformità a quanto stabilito nell'art. 1, comma 2, della Legge n. 164/2014, nel bando di gara dovrà essere inserita la previsione che la mancata accettazione, da parte delle imprese, delle clausole contenute nei protocolli di legalità stipulati con le competenti prefetture - uffici territoriali del Governo, riferite alle misure di prevenzione, controllo e contrasto dei tentativi di infiltrazione mafiosa, nonché per la verifica della sicurezza e della regolarità dei luoghi di lavoro, costituisce causa di esclusione dalla gara e che il mancato adempimento degli obblighi previsti dalle clausole medesime, nel corso dell'esecuzione del contratto, comporta la risoluzione del contratto stesso.
 

Il bando dovrà, altresì, precisare che all'apertura delle buste dei concorrenti si procederà una volta ottenuto il visto di registrazione della delibera Cipe da parte della Corte dei Conti.
 

La presente ordinanza è pubblicata sul sito internet dedicato.

Condividi:
Condividi su Google Plus